Bastone_EkoPuntata che ha lasciato divisi gli spettatori, che si aspettavano di pi? dalle promesse di “cliffhanger” per il finale di mezza stagione. Probabilmente questo episodio va considerato per quello che ?, il 6 episodio di una stagione, composta da 22-23 episodi. Certo, c’era da aspettarsi di pi? dal finale, ma in effetti non poteva essere come la fine di “Live Together, Die Alone”.

L’episodio ha visto il flashback di Kate, che si ? sposata con l’inganno, alla ricerca di una vita stabile ma perennemente destinata alla fuga, e che ora ? sotto le torture psicologiche degli others: viene infatti usata per fare pressioni a Jack per operare Ben, sotto la minaccia dell’uccisione di Sawyer.

C’? comunque confusione tra gli others, tanto che Alex, la figlia della Rousseau, cerca di avvertire Kate che non si deve fidare di nessuno. E mentre Jack decide di operare, con la promessa della libert?, la fuggitiva e Sawyer dividono un momento di passione.
Intanto, Eko e Sayid si confrontano su cosa ha ucciso Eko, e sul perch?: Locke, da “uomo di fede”, conferma che secondo lui, anche questa morte ha avuto una ragione ben precisa. E il suo sguardo si fissa sulla scritta sul bastone di Eko “Lift up your eyes and look North”, un indizio da seguire.

L’operazione di Ben, che Pickett non giudica una buona idea, con una frase sibillina che sicuramente ? da interpretare (Shephard wasn’t even on Jacob’s list), per? non va secondo le previsioni degli others: Jack prende in mano la situazione e minacciando di far morire Ben, chiede di essere messo in contatto via walkie talkie con Kate, a cui, ricordandole la storia sulla paura (alla quale vanno dati solo 5 secondi prima di affrontarla) che le aveva raccontato mentre lei gli ricuciva una ferita, nell’episodio pilota, ordina di scappare.

Rimangono in sospeso tutte le domande che la serie ci ha posto finora, e vengono aggiunti gli enigmi di chi sia questo “Jacob” che ha compilato la lista e della posizione della figlia della Rousseau.