Lost_Group
Mentre la serie entra in pausa invernale, ci si chiede quanto ancora si dovrà aspettare per avere delle reali risposte. Il New York Magazine, per esempio, per evitare che Lost diventi una serie infinita, che concede piccoli indizi verso una soluzione che appare lontana, aprendo ad ogni puntata nuove domande, e che in effetti non fa più grandi ascolti come la prima stagione, suggerisce di cambiare format, e diventare una serie limitata nel tempo.
Intanto, come segnalato negli ultimi commenti da Niger, in una intervista di Ausiello di TVGuide i produttori Lindelof e Cuse rispondono a questo malcontento del pubblico, confermando che la “soluzione” di Lost esiste, che comprendono i dubbi sull’introduzione dei due nuovi personaggi Paulo e Nikki, ma che la storia della serie ha una sua evoluzione.
I due lanciano inoltre qualche indizio sull’uomo con la benda, sulla fuga di Michael e Walt, annunciando che ci sono molte altre sorprese che attendono gli spettatori a Febbraio, già nei primi episodi dopo la pausa, soprattutto riguardo un personaggio e un cambiamento nella rotta della storia.

No tags for this post.