produzione lost

Glorfindel riporta una intervista del realizzatore della tesi su Lost in italiano al produttore esecutivo Jack Bender, pubblicata sul quotidiano l?Arena di Verona, in cui Bender racconta Lost, la sua creazione, il rapporto con gli attori e il suo successo.

[...]?Lost? ? prima di tutto un grande racconto, un immenso romanzo che, fortunatamente, tutto il mondo sta leggendo. Ogni stagione della serie ? un libro di questo grande romanzo ed ogni episodio ne costituisce un capitolo. Gli autori hanno da sempre manifestato il desiderio di articolare la storia, come in qualsiasi romanzo, attraverso un inizio, uno sviluppo ed una fine. Vediamo la serie come un romanzo e quindi non continuer? per sempre ma avr? una sua fine. Una conclusione programmata, a differenza della maggior parte delle serie televisive statunitensi dove la chiusura del racconto viene determinata, senza preavviso, da un eventuale insuccesso in termini di dati d?ascolto. Per questo quasi tutte le serie oggi mantengono una struttura autoconclusiva. Ma la storia di ?Lost? ? diversa. La storia di questi personaggi, come sono arrivati sull?isola, come cercano la sopravvivenza e di come questi elementi si fondano e si intrecciano con il loro passato, con il loro presente e, forse, con il loro futuro, tutto questo fa parte di una grande storia che viene raccontata in questo grande romanzo intitolato ?Lost?.[...]

No tags for this post.